Gita in giornata: alla scoperta di Gubbio.

Alcuni giorni fa la nostra amica Silvia ci ha mandato un pacchettino con dentro un’infinità di materiali raccolti alla BIT. Naturalmente, materiali sui dintorni del nostro B&B, nelle zone a cavallo fra Marche e Umbria!
Oltre a mettere il tutto a disposizione degli ospiti (troverete qualcosa nelle camere e il resto nella libreria in soggiorno), ci è subito venuta voglia di fare qualche giro e testare i consigli di guide e brochure. Inutile dire che non vedevamo l’ora di avere una scusa per fare una gita nei dintorni e, beh, ci siamo sacrificati! E abbiamo scelto una meta d’eccezione che io – un po’ mi imbarazza dirlo – non avevo ancora mai visitato: Gubbio.

Questo famoso borgo medievale si trova a circa 40 minuti dal B&B. Per arrivarci abbiamo scelto di fare la “strada panoramica”, attraversando i monti senza farci troppe domande e sopportando qualche curva in nome del paesaggio.
Si guida in direzione Serra Sant’Abbondio e lungo la strada si gira a sinistra verso Leccia, per trovarsi – subito dopo aver dubitato di scovare un’uscita da questo minuscolo accerchio di case – nel mezzo dei monti, dietro lo Strega e ai piedi del Catria, in direzione del Monte Cucco. La strada attraversa una gola a tratti molto stretta, veramente affascinante.
Si passa da Isola Fossara e da Valdorbia per arrivare poi a Scheggia e seguire le indicazioni per Gubbio. Parcheggiate nello spiazzo davanti al teatro romano e siete pronti per cominciare la vostra visita.

Chi non è mai stato in questa piccola cittadina con case e palazzi di pietra chiara a vista, vicoli, archi e spiazzi deve assolutamente concedersi una pausa per un salto indietro nel tempo. Certo, bisogna armarsi di coraggio e prepararsi a fare un numero imprecisato di salite per arrivare fino al Palazzo Ducale (con la riproduzione dello studiolo del Duca che si trova a Urbino) e alla Cattedrale (proprio di fronte), ma ne vale la pena. Come vale la pena fermarsi a prendere un caffè nelle terrazze panoramiche o passeggiare costeggiando gli orti della cattedrale (che oggi sono in realtà di dominio degli ulivi, oltre che di due magnifiche agavi!).
I più temerari, poi, si potranno incamminare lungo la salita che porta alla Basilica di Sant’Ubaldo. Noi non abbiamo avuto le forze – eravamo in modalità relax – ma pensiamo che il panorama da lassù debba essere stupendo.

Non dimentichiamo, poi, che Gubbio è il set delle numerosissime puntate di Don Matteo. Lo confessiamo, non siamo degli appassionati delle avventure del prete, ma girare con dei fan è comunque divertente e fa vedere Piazza Grande e i numerosi scorci con un occhio diverso.

Non aggiungo altro, se pensate di venire dalle nostre parti, segnatevi Gubbio nella lista di cose da vedere! 😉
Se intanto volete dare un’occhiata ai luoghi, sul sito del Comune di Gubbio trovate una cartina con i principali monumenti. Per fare un pre-viaggio, invece, guardate il sito Umbria on the Blog.

         

Tags:

No comments yet.

Leave a Reply